Post

Sportello di Ascolto Psicologico Emergenza Covid-19

Immagine
La  crisi  si manifesta come un evento straordinario, caratterizzato da una visibilità esterna, che irrompe nella vita di una comunità disgregandone gli equilibri e facendone saltare i meccanismi di funzionamento. È un momento di perturbazione, uno scarto che altera i processi esistenti all’interno e all’esterno del sistema sociale colpito, una transizione in cui regole e norme del funzionamento ordinario appaiono inutili a risolvere quanto di problematico è emerso. […] Si determina quindi una fase di destabilizzazione per poi approdare ad una nuova e diversa condizione di stabilità. Carlo Colloca Parte anche dalla nostra Associazione  InOltre Pescara  l’iniziativa di  consulenza  psicologica a tutte le persone che si sentono particolarmente turbate e “toccate” dall’emergenza  Covid-19  in corso. NuovaMente In Equilibr-IO è uno sportello di Ascolto Psicologico Online pensato per intervenire durante l’emergenza Covid-19 con tutte le persone che si sentono psicologicamente coi

Riflessioni sulla Dipendenza Affetiva

Immagine
Giovedì 23 gennaio, nel Salotto di InOltre ci si prepara al secondo appuntamento con PsicoSoFa, ciclo di incontri a tema “relazioni di coppia”. Cuscini a terra, una tisana calda e storie di vita simili tra persone diverse che s’intrecciano in un abbraccio di sguardi e opinioni. Argomento del giorno è la  dipendenza affettiva , vissuto tanto comune quanto doloroso. Classificazione della dipendenza affettiva Tale dipendenza denominata anche  love addiction  rientra nel quadro più ampio delle  new addiction , ossia le nuove dipendenze in cui non è una sostanza chimica a riempire un vuoto affettivo, ma comportamenti o attività che fanno parte della vita quotidiana. Nella dipendenza affettiva la “droga” che farà toccare il cielo con un dito sarà il partner, cui spetterà il compito -interminabile- di andare a tappare quel buco nero che rende incompleti e bisognosi dell’Altro. Al partner sarà quindi designato il ruolo di “guaritore”, innescando un “circuito dipendenziale amoroso”

Riflessioni sulla Philophobia

Immagine
Nel Salotto di InOltre ci si prepara al terzo appuntamento con PsicoSoFà, ciclo di incontri a tema “relazioni di coppia”. Cuscini a terra, una tisana calda e storie di vita simili tra persone diverse che s’intrecciano in un abbraccio di sguardi e opinioni. Argomento del giorno è la Philophobia , quella << paura d’amare qualcuno accettando il rischio di mostrarsi “nudi” di fronte all’altro>> Proprio la parola rischio è una di quelle che i partecipanti associano alla paura di amare, ma rischiare cosa? Le parole che vengono tirate fuori dagli anfratti nascosti sono legate alla paura di soffrire: rifiuto, abbandono, vulnerabilità, ansia, giudizio, delusione, ferita … e di conseguenza fuga , chiusura, repressione, autosabotaggio, solitudine . Questi sono solo alcuni dei termini scelti durante il brainstorming per spiegare il nucleo esperienziale attorno alla philophobia . Ma cosa si intende per Philophobia ? Le persone che si definiscono tali

"Post Vacation Blues": stanchi ancor prima di iniziare!

Immagine
Il Natale è passato, benvenuto Anno Nuovo ! Il periodo di Natale è da sempre associato a grandi scorpacciate, pranzi in famiglia, luci colorate e giornate passate nel calore avvolgente delle case al profumo di zenzero e cannella. Tutti, in ogni caso e qualunque cosa facciano, si aspettano che il Natale porti con sé allegria, benessere, felicità e un meritato riposo senza turbamenti. Nella realtà tutto questo non sempre accade e per molte persone il Natale si trasforma in una ricorrenza ricca di stress. Le grandi riunioni familiari possono assomigliare, a volte, a delle faide agguerrite che di allegro e felice hanno ben poco. Naturalmente c’è anche chi il Natale se lo gode a pieno, assaporando il tempo trascorso con le persone care, sfruttando la possibilità di dedicarsi ai propri passatempi preferiti o semplicemente crogiolandosi nella dolce atmosfera soporifera, senza preoccuparsi di dover portare a termine i mille impegni quotidiani.   “POST VACATION BLUES”: la sin

P̲s̲i̲c̲o̲-̲S̲o̲F̲à̲:̲ ̲I̲l̲ ̲s̲a̲l̲o̲t̲t̲o̲ ̲p̲s̲i̲c̲o̲l̲o̲g̲i̲c̲o̲ ̲d̲i̲ ̲I̲n̲O̲l̲t̲r̲e̲

Immagine
C𝗼𝗻𝘃𝗲𝗿𝘀𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝗰𝗼𝗻 𝗴𝗹𝗶 𝗲𝘀𝗽𝗲𝗿𝘁𝗶 𝘀𝘂𝗹𝗹𝗲 𝘁𝗲𝗺𝗮𝘁𝗶𝗰𝗵𝗲 𝗿𝗶𝗴𝘂𝗮𝗿𝗱𝗮𝗻𝘁𝗶 “𝗟’𝗶𝗻𝗰𝗼𝗻𝘁𝗿𝗼 𝗰𝗼𝗻 𝗹’𝗔𝗹𝘁𝗿𝗼” 9 gennaio – 23 gennaio – 6 febbraio – 20 febbraio – 27 febbraio Il salotto psicologico offre uno spazio di incontro per dialogare, scambiare idee e condividere esperienze, promuovendo una partecipazione interattiva e aperta allo scambio comunicativo interpersonale, dando la possibilità di fare domande e di riflettere insieme su argomenti di benessere emotivo-psicologico riguardanti i legami affettivi. 🅿🆁🅾🅶🆁🅰🅼🅼🅰: - 9 gennaio La scelta del partner: siamo sicuri sia casuale? https://www.facebook.com/events/575716756520144/ - 23 gennaio Dipendenza affettiva: quando il desiderio si trasforma in bisogno https://www.facebook.com/events/1044615079218520/ - 6 febbraio Paura di amare: la Philophobia https://www.facebook.com/events/1393137464143736/ - 20 febbraio Gelosia e possesso: amare l’Altro o paura di perdere? https://www.fac

Ci sono Giochi e Giochi... Relazionali

Immagine
<<Un gioco relazionale è una serie progressiva di transazioni complementari rivolte ad un risultato ben definito e prevedibile. Si può descrivere come un insieme ricorrente di transazioni, spesso monotone, superficialmente plausibili, con una motivazione nascosta; o, più semplicemente, come una serie di mosse insidiose, "truccate ". >> (Eric Berne) Attraverso questo seminario ci si propone di mostrare una serie di "giochi relazionali " che le persone mettono in atto all'interno delle loro relazioni quotidiane. Queste dinamiche dipendono dal bisogno di contatto e di riconoscimento: Io Ti Vedo! Tutti, chi più chi meno, giochiamo. Ciascuno gioca il suo gioco preferito e cerca i suoi partner complementari. Tuttavia i giochi sono giocati senza la consapevolezza della parte adulta di ognuno di noi e questo porta i giocatori a provare un'emozione negativa, spesso familiare (qualcosa di conosciuto), mettendo a rischio la relazio

That's Amore. Laboratorio esperienziale per coppie

Immagine
👫 Il sistema coppia è un animale a 4 zampe, le 4 zampe sono: lui🙋‍♂, lei🙋, il modello di coppia che ha lui 👥 e le sue aspettative, il modello 👥e le aspettative di lei. Frasi tipiche come 💬: 🙇‍“Egoista io? Ma se ti ho dato sempre tutto?” 💁‍“Se solo fossi più affettuoso, allora anch’io riuscirei ad essere gentile con te.” 🤦‍♂“Devo sempre ripeterti le stesse cose, non mi ascolti mai. Non ne posso più!” 🙍‍♀“Non mi porti mai a cena fuori!” 🤷‍♂“ Mi rifiuti così spesso che ho smesso di cercarti.” sono la rappresentazione di quanto integrare tutti gli elementi sopra descritti (le zampe) sia un compito a dir poco arduo e senza certezza di risultato. 💪🏻Impegno, 👍🏻👌🏻complicità e 🤝fiducia caratterizzano la relazione di coppia funzionante. Tuttavia in alcune relazioni queste caratteristiche si possono trasformare in disimpegno, provocazione, ostilità ed estraniazione 🙅‍♀🙅‍♂. Stati d’animo che spesso rappresentano trappole per legare ⛓la coppia

Il binge-watching: quando ci si abbuffa di serie tv per fuggire dalla realtà

Immagine
Netflix, Amazon Prime Video, Infinity, in un futuro non lontano Disney Plus...  Queste sono le più note piattaforme di streaming, oggi utilizzate da milioni di persone in tutto il mondo, appartenenti a fasce di età e culture anche molto diverse tra loro, ma accomunate tutte da una grande passione: quella per i film e le serie tv.  Negli ultimi anni con l’avvento di Internet e dei servizi OnDemand, si è assistito infatti ad un drastico cambiamento nelle abitudini dei cinefili e anche degli spettatori occasionali: da una fruizione dei media tramite il maxi schermo di un cinema o dello schermo della tv, si è passati infatti all' utilizzo del computer. Un computer che spesso viene sfruttato in maniera continuativa, ripetuta nel tempo e che   in alcuni casi può trasformarsi in un vero e proprio oggetto di dipendenza. Il DSM V, il manuale diagnostico di riferimento per i disturbi mentali,   utilizzato dai professionisti in ambito clinico e di ricerca, ha introdotto l’ In